AMBIENTE: IN PUGLIA CON LA TRASFORMAZIONE DIGITALE

mercoledì 12 Maggio 2021

Usare tecnologie innovative e digitali nella gestione e trattamento dei rifiuti avrà un impatto significativo sulla sostenibilità del comparto e sulla transizione circolare. Lo precisa l’Agenzia europea dell’Ambiente (AEA) in uno dei suoi ultimi Briefing in tema rifiuti.
Al sud Italia TERSAN Puglia ed ECSA stanno già lavorando in questa direzione e raccolgono i primi successi.

TERSAN Puglia opera nel settore del recupero dei rifiuti organici e li restituisce alla terra in forma di fertilizzante biologico. La digitalizzazione dei processi consente di tenere sotto controllo questi due parametri e di migliorare notevolmente prestazioni e consumi energetici, riducendo sprechi e quindi consumo di CO2.

TERSAN Puglia ha per questo avviato e concluso la prima parte di un processo di digitalizzazione con l’obiettivo di usare la tecnologia per ottimizzare i processi produttivi ed il controllo degli effetti sull’ambiente.

ECSA in breve tempo ha permesso di convogliare tutti i dati raccolti dagli impianti produttivi in un unico cloud per avere uno sguardo generale sul funzionamento aziendale.

“La sinergia tra i nostri impianti e l’architettura sviluppata da ECSA ha permesso di rispondere in modo organico alle nostre esigenze”, afferma l’amministratore delegato di TERSAN Puglia, Leonardo Delle Foglie, “Si tratta di un adattamento continuo, in quanto più si integrano i sistemi tanto più scopriamo nuove possibilità di applicazione e sviluppo. Nel nostro futuro immediato c’è la realizzazione di un impianto di digestione anaerobica che si affiancherà al compostaggio aerobico, e l’applicazione, sui dati estratti dagli impianti, di algoritmi di intelligenza artificiale per consentire la disponibilità di informazioni “predittive” che ridurranno ulteriormente i consumi e gli effetti sull’ambiente.”

Michele Martulli

TAGS: Ambiente | Puglia | Tecnologia | ControradioBari

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie