EXUVIA, MUSICA, SCULTURA E FOTOGRAFIA, UNA COLLABORAZIONE TUTTA PUGLIESE

TONY CASSANELLI ARTEFICE DELLA SCULTURA CHE FARÀ DA SFONDO ALLA TRACKLIST DELL’ULTIMO ALBUM DI CAPAREZZA

lunedì 10 Maggio 2021

Uscito il 7 maggio, l’ultimo progetto del molfettese Michele Salvemini in arte Caparezza, che come già noto a molti, prende in prestito un termine scientifico, Exuvia, il cui significato è legato proprio all’ambito dell’entomologia e che sintetizza in un'unica parola il suo viaggio di metamorfosi, sia artistica che personale, emblema appunto del suo ultimo progetto.

Tutto è nato da un’idea del fotografo Albert D’Andrea, al quale ne è stata affidata la direzione artistica, quest’ultimo infatti ha proposto a Tony Cassanelli (con lui e Carmine Croce cofondatore dello studio per la produzione di Video Arte 'SubVision Project') di entrare a far parte del progetto commissionandogli un’opera che potesse in qualche modo riassumere in scultura i concetti chiave di Exuvia, ovvero mutazione, metamorfosi, rinascita, a partire dalla stessa definizione zoologica, ovvero l’esoscheletro che molti insetti abbandonano in natura in seguito alla loro muta. Di qui l’idea di generare fisicamente l’exuvia ad immagine e somiglianza dell’inimitabile Capa, il guscio di ciò che abbandona, che non è più parte di sé, che appartiene oramai solo al bosco dei fantasmi del passato.

L'Opera, spiega Cassanelli, è stata modellata in creta e formata in gesso con un’antica tecnica detta "a tasselli" e successivamente patinata con la tecnica dell'Encausto, tecnica in cui la cerasi mischia al colore fondendosi sul gesso dell'opera. Tecniche desuete, spiega l’artista, proprio a simboleggiare, in coerenza con il concetto di Exuvia “l’idea di qualcosa che si stia perdendo, una materia in abbandono a causa dell’inevitabile mutare dei tempi”.

Lo scultore, inoltre lusingato dell’invito, così come lo si può tranquillamente evincere dalle sue stesse parole scritte nei suoi suoi post, ammette che sia la stima che l’empatia reciproca dei tre artisti ha fatto sì che l’ispirazione di Cassanelli si allineasse perfettamente al progetto di cui ha preso parte, condizione confluita così in una fusione di linguaggi e percezioni esistenziali condivise tanto da spingere lo stesso Cassanelli ad incidere triplice firma sull’Exuvia finale di Caparezza, immagine che farà da sfondo, come già detto, alla tracklist dell’album.

Stefania Tursi

TAGS: exuvia | caparezza | tony cassanelli | albert dandrea | scultura exuvia | controradio bari

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie