LE AVVENTURE DI ABAP OLTRE OGNI LIMITE

Presentazione del romanzo Giovedì 17 dicembre 2020 – ore 16:00-18:00 su piattaforma Google Meet e in diretta Facebook

lunedì 14 Dicembre 2020

“Sono un ragazzo come tanti. E come tanti ho pregi e difetti. Quello che mi contraddistingue è la mia assoluta mancanza di volontà nel frequentare la scuola”. Inizia con queste parole il romanzo poliziesco LE AVVENTURE DI ABAP OLTRE OGNI LIMITE (ABAP Aps per Eida Edizioni) che sarà presentato giovedì 17 dicembre 2020 su piattaforma Google Meet e in diretta Facebook. La pubblicazione è frutto del lavoro collettivo svolto in aula dagli studenti del corso di formazione per “Operatore del mare e delle acque interne”, guidati dall’autore, Pietro Battipede, in un percorso di approfondimento della cultura della Legalità e di materie come la Matematica, l’Ecologia, il Diritto, la Storia e l’Economia. Il protagonista è un giovane adolescente di nome Abap - studente con poca voglia di studiare, alle spalle una famiglia con qualche difficoltà - coinvolto in varie situazioni, in forza delle quali emergerà, gradualmente, l’interesse per lo studio e l’attenzione verso soluzioni che avranno in comune il senso della Legalità. Pietro Battipede, già Dirigente della Polizia di Stato, è autore di numerosi romanzi giallo-polizieschi per ragazzi, dai contenuti sociali ed educativi, nei quali la trama si sposa con la tematica dell’educazione alla legalità.

L’incontro virtuale – che avrà inizio alle ore 16.00 – sarà l’occasione per discutere di innovazione della didattica, di formazione professionale e di dispersione scolastica, un fenomeno che vede l’Italia distinguersi nel panorama europeo, per l’elevato numero di abbandoni scolastici (14,7% rispetto l’11% dei restanti Paesi UE).

“Il romanzo Il giovane Abap. Oltre ogni limite nasce proprio dall’esigenza di innovare la didattica del corso per Operatore del Mare e delle Acque interne per avvicinare i giovani alla conoscenza, al confronto con materie generalmente ritenute difficili, per comprendere appieno il senso e l’utilità di quelle nozioni e raggiungere un'effettiva presa di coscienza che possa condurre gli studenti a formulare ipotesi esplicative unitarie, ad accrescere il proprio potenziale umano. Il romanzo nasce per concretizzare un’intuizione: realizzare un percorso di scrittura collettiva che, partendo dall’italiano come materia trasversale, conduca all’approfondimento di nozioni di Diritto, di Storia, di Ecologia, di Economia, di Matematica”, spiega Valeriana Colao, presidente di Abap Aps, ente di formazione che ha ideato e realizzato il corso (finanziato da: POR Puglia FESR-FSE 2014-2020. Avviso Pubblico OF/2018 “Offerta Formativa di Istruzione e Formazione Professionale”). Il corso coinvolge 18 giovani di età inferiore ai 18 anni che completano la propria formazione, assolvendo all’obbligo/dovere d’istruzione, mediante l’acquisizione di una qualifica professionale triennale che permetterà loro di inserirsi in contesti lavorativi legati alla navigazione, la pesca o l’acquacoltura.

La Puglia ha un enorme potenziale nell'Economia Blue, essendo fra le prime regioni italiane per crescita dell'export dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura, per quantitativo di catture di specie ittiche e per fatturato. Quanto all'acquacoltura, la Puglia è la regione meridionale con il maggior numero d'impianti, l'ottava su scala nazionale, ed in costante crescita.

“La Blue Economy abbraccia tutte le attività umane che utilizzano - in un'ottica di sostenibilità - il mare, le coste e i fondali come risorse per attività industriali e di servizi. Per quanto concerne l'aspetto prettamente economico, si evidenzia che, secondo i dati di Unioncamere, in Puglia sono 14mila le imprese che operano nell'economia del mare occupando 65mila lavoratori. Si rileva, inoltre, che tale attività fornisce notevole occupazione giovanile: il 30% degli addetti ha meno di 35 anni (contro il 22% registrato nel resto dell'economia) – afferma Elvira Tarsitano, direttore generale di ABAP Aps -. Per questo motivo, Abap Aps ha ideato il Corso Triennale di qualifica per Operatore del Mare e delle Acque interne, con l’obiettivo di formare figure professionali caratterizzate dal possesso di ampie e diversificate competenze connesse alle attività che si svolgono in ambito marittimo: traffico e pesca, acque marittime ed interne per l'esercizio delle attività legate al diporto nautico, alla pesca e all’ittiturismo; nonché alle attività legate all’acquacoltura, in impianti terrestri e marittimi”.

“La Regione Puglia investe sempre più sul miglioramento della qualità e dell’efficacia dei sistemi di istruzione e formazione professionale, come strumento di contrasto alla dispersione scolastica e mezzo di transizione dal mondo dell’istruzione e della formazione a quello del lavoro -, sostengono Anna Lobosco, Dirigente di Sezione, e Rosa Anna Squicciarini, Funzionario di Sezione per la Formazione Professionale della Regione Puglia, “L’offerta dei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) si sta dimostrando uno strumento realmente valido di contrasto alla dispersione. Tali percorsi, infatti, anche a livello nazionale, registrano tassi di abbandono ridotti e spesso ricoprono una funzione di “luogo di recupero” di coloro che fuoriescono dal sistema dell’istruzione scolastica”.

“Ripartiamo da ciò in cui abbiamo sempre creduto – ha dichiarato nei giorni scorsi il riconfermato assessore regionale alla Formazione Sebastiano Leo, anticipando la pubblicazione del nuovo Avviso regionale relativo all’offerta formativa di istruzione e formazione professionale -. La formazione professionale è elemento trainante delle politiche attive del lavoro. È indispensabile comprendere le nuove esigenze del mercato e formare le competenze specifiche richieste. La formazione professionale è il filo rosso che consente la crescita economica, produttiva e sociale del nostro territorio: le competenze di collaboratori preparati consentono alle aziende di svilupparsi e la certificazione di quelle competenze è il miglior biglietto da visita che forniamo ai nostri giovani per accedere ai processi lavorativi e allo stesso tempo per essere sempre più consapevolmente cittadini impegnati nella vita sociale”.

Redazione Controradio

TAGS: Abap | Romanzo | Controradio Bari

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie