IL BARI A RENDE COME UNA FINALE PLAYOFF

PER ABBATTERE IL MURO DELLA... DECINA

venerdì 29 Novembre 2019

IL BARI A RENDE COME UNA FINALE PLAYOFF

Quella sporca ....decina. Sono proprio dieci i punti che  dividono il Bari dall'imbattibile Reggina.  Non bastano più i gol di Antenucci, Vivarini chiama tutti al gol ?  "C'è da migliorare - ribatte lui -, ma siamo in crescita. Occorre maggiore convinzione nel chiudere la partita, affinare il lavoro tutti insieme. Bisogna avere la cattiveria di fare altri gol, una maggiore voglia di  vincere. Non è un discorso individuale, ma di squadra.  Ho visto troppe volte rallentare il gioco invece di accelerare. Dobbiamo essere più cattivi negli ultimi metri.  In C si gioca in 15 -16 giocatori, voglio partite di alto livello da tutti». 

A Rende per un solo risultato, bisogna fare bottino pieno. «Dobbiamo affrontare la gara come fosse una  finale play-off, serve solo vincere”.

Servono anche i gol dei centrocampisti dalla media distanza. Finora solo Awua e Hamlili hanno fatto centro. «Forse tra i due Awua e più propenso al gol, ne ha già fatto uno e potrebbe farne ancora, se messo nella condizione giusta, questa settimana l'ho visto molto bene» 

Potrebbe tornare utile anche nel cambio di modulo la spinta sulle fasce di Costa. «Costa ha avuto un problema all'adduttore ma presto ritornerà. Perrotta è un terzino sinistro difensivo, chiaro che in certe partite ci viene a mancare la spinta». Si prepara invece a ricominciare dalla panchina D’Ursi dopo due mesi di assenza. « D'Ursi è rientrato questa settimana ha già raggiunto un buon livello di ritmo partita sono molto fiducioso ha caratteristiche molto diverse da tutti gli altri».

   

Miriam De Marco

TAGS: sscbari | seriec | legapro | controweb | controradiobari

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie