BA29, 435 ragazzi ammessi ai tirocini formativi

Lunedì partono i colloqui con le aziende. Paola Romano: “esperienza da mettere a frutto per il futuro della nostra comunità”

mercoledì 19 Settembre 2018

Il 14 settembre scorso, allo scadere della prima finestra temporale per la presentazione delle domande di partecipazione al bando BA29, finalizzato all’inserimento lavorativo di giovani disoccupati o inoccupati attraverso l’attivazione di tirocini semestrali retribuiti presso aziende e organizzazioni dell’area metropolitana di Bari, sono 435 le istanze ammesse su un totale di 457 pervenute. Ad ogni ragazzo o ragazza selezionati sarà riconosciuto un rimborso di 450 euro al mese per 6 mesi, a fronte di 25 ore di impegno settimanali, mentre al soggetto ospitante spetterà un contributo di 300 euro una tantum a rimborso di alcune delle spese sostenute per la realizzazione del tirocinio, quali l’assicurazione o gli strumenti di lavoro impiegati. Parallelamente sono salite a 283 le aziende che hanno aderito alla misura, segnalando i percorsi formativi disponibili e i profili richiesti, per un totale di 700 tirocini attivabili. Domani saranno pubblicati gli elenchi nominativi degli under 29 ammessi, mentre i colloqui dei ragazzi e delle ragazze con le aziende inizieranno lunedì 24 settembre. Saranno infatti le realtà ospitanti a scegliere i candidati da avviare al tirocinio. La misura ha durata biennale, il che significa che dopo questa prima fase, sono previste altre aperture del bando attraverso apposito avviso - dal 1 novembre al 31 dicembre 2018 e ancora dal 1 maggio al 30 giugno 2019 - e fino ad esaurimento delle risorse disponibili. “La prossima  settimana inizieranno i colloqui tra aziende e ragazzi - commenta l’assessora alle Politiche educative e giovanili e del lavoro Paola Romano - e anche se sappiamo bene che il tirocinio non equivale a un contratto di lavoro, si tratta però di un’opportunità concreta per centinaia di ragazze e ragazzi che vogliano misurarsi con il mondo del lavoro facendo un’esperienza formativa di 6 mesi, come pure per le aziende che potranno formare questi ragazzi e, al termine del tirocinio, scegliere di trasformare il rapporto in un contratto di lavoro anche avvalendosi degli incentivi previsti per nuove assunzioni giovanili. I profili richiesti sono assolutamente diversificati e ci restituiscono la fotografia di un tessuto economico e produttivo variegato che ben potrà incrociare diverse professionalità e percorsi formativi. Parliamo di un investimento economico importante, poco meno di due milioni di euro, così come importante sarà il tempo messo a disposizione dai ragazzi e dalle imprese. Per questo sarà nostra cura verificare che il progetto formativo concordato si sviluppi in modo coerente, affinché possa rappresentare un’esperienza da mettere a frutto per il futuro della nostra comunità. BA29 rientra in una strategia più ampia che dal 2015 il Comune di Bari sta portando avanti sulle politiche del lavoro e sul contrasto alla disoccupazione. La nostra città non si è sottratta alla principale sfida politica del nostro tempo, che è rappresentata dai temi del lavoro, dell’autonomia e dei diritti sociali delle persone”. BA29 è una misura di empowerment e inserimento lavorativo rivolta a ragazzi e ragazze di età compresa tra i 16 e i 29 anni, finanziata dal Comune di Bari con 1milione 900mila euro del PON METRO 2014/20 (ASSE 3 “Servizi per l’inclusione sociale” Azione 3.3.1 Sostegno all’attivazione di nuovi servizi in aree degradate).

Redazione Controradio

TAGS: ba29 | tirocini formativi | lavoro | giovani | paola romano | controradio | controweb | sempre sul pezzo

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie