Al bando i prodotti di plastica monouso: l’Europa vieta la produzione di piatti, cannucce, cotton fioc

L’obiettivo è ridurre l’inquinamento marino dovuto alla plastica

giovedì 31 Maggio 2018

Stop a posate e piatti di plastica, ma anche a cotton fioc e a una serie di attrezzi per la pesca. Sono solo alcuni degli oggetti che presto saranno vietati in tutta Europa: la Commissione europea ha presentato una proposta normativa che mette al bando i 10 prodotti di plastica monouso che più inquinano le spiagge e i mari d'Europa e una serie di attrezzi da pesca che sono di norma perduti e abbandonati durante le catture. Ma le misure non si fermano qui: Bruxelles propone anche che entro il 2025 il 90% delle bottiglie di plastica monouso per bevande venga raccolto per il riciclaggio e introduce dei costi di gestione e bonifica a carico dei produttori. Le proposte della Commissione europea per sopperire al disagio dell’inquinamento dei mari dovuto a plastica e derivati sono:

1.Divieto di commercializzare prodotti di plastica monouso, quali bastoncini cotonati, posate, piatti, cannucce, mescolatori per bevande e aste per palloncini, tutti prodotti che dovranno essere fabbricati esclusivamente con materiali sostenibili;

2.Riduzione del  consumo di contenitori per alimenti e tazze per bevande in plastica, a questo proposito, gli Stati dovranno mettere a disposizione prodotti alternativi o impedire che i prodotti monouso di plastica siano distribuiti gratuitamente;

3.Obblighi per i produttori, nel senso che quest’ultimi contribuiranno a coprire i costi di gestione e bonifica dei rifiuti, oltre che i costi di sensibilizzazione per i cittadini;

4.Obiettivi di raccolta del 90% delle bottiglie di plastica per il 2015;

5.Introduzione, nell’etichetta di alcuni prodotti, dei metodi di smaltimento e riciclo degli stessi;

6.Sensibilizzazione dei consumatori all’incidenza negativa della dispersione nell’ambiente di prodotti di plastica ed ai sistemi di riciclo;

7.Introduzione di regimi di responsabilità per i produttori di attrezzi da pesca contenenti plastica (i fabbricanti dovranno coprire i costi di smaltimento)

Le nuove regole, scrive Bruxelles, “sono proporzionate e concepite per ottenere i migliori risultati, vale a dire non a tutti i prodotti si applicheranno le stesse misure: saranno messi al bando i prodotti di plastica monouso per i quali sono facilmente disponibili soluzioni alternative, mentre si limiterà l'uso di quelli di cui non esistono valide alternative riducendone il consumo a livello nazionale”.

Martina Albergo

TAGS: Stopplastica | Europa | Controradio | Controradiobari | Controweb | Sempresulpezzo

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie