Non più la parrucca, casco contro l’alopecia al Policlinico di Bari

Disponibile al reparto “Oncologia medica” uno strumento utile per le pazienti

lunedì 21 Maggio 2018

Il casco anti alopecia è arrivato al Policlinico di Bari dopo la consegna (diretta dall’oncologo Francesco Silvestris) avvenuta sabato 19 maggio all’unità Operativa Oncologia Medica del Policlinico di Bari. Il casco è uno strumento preventivo (riduce fino al 60% la patologia sulle donne trattate) capace di dare maggiore sollievo alle pazienti durante il percorso chemioterapico, acquistato grazie alle donazioni dell’associazione Pandora Onlus (diretta dall’oncologo Francesco Silvestris). L’iniziativa “Un capello per amico” lanciata lo scorso anno dall’associazione che ha sede presso l’Oncologia Medica Universitaria del Policlinico di Bari, ha permesso di raccogliere fondi provenienti da privati per l’acquisto di questo innovativo sistema di refrigerazione del cuoio capelluto: si chiama Scalp Cooling System ORBIS II (PAXMAN©) e costa 40.000 euro. “Il problema dell’alopecia - spiega il dottor Silvestris - ha un profondo impatto negativo sotto l’aspetto emozionale, soprattutto nel caso di pazienti più giovani, costringendo qualcuna a rifiutare le cure. Si tratta di un casco morbido refrigerato attraverso un complesso sistema idraulico che, indossato durante l’infusione della chemioterapia, permette di raffreddare il cuoio capelluto provocando vasocostrizione periferica e riduzione dell’afflusso dei farmaci ai capillari del bulbo pilifero”. Da ricordare che il servizio è completamente gratuito e due donne in seduta contemporanea, possono usufruire di questa nuova tecnologia.

 

Federica Borgini

TAGS: Policlinicodibari | Bari | Alopecia | Oncologia | Controradio | Controradiobari | Controweb | Sempresulpezzo

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie