L’aeroporto di Grottaglie designato come spazioporto destinato ad accogliere voli suborbitali

È uno tra i primissimi in Europa e il primo fra tutti in Italia

giovedì 17 Maggio 2018

L’Aeroporto di Taranto - Grottaglie è stato designato primo spazioporto italiano destinato ad accogliere voli suborbitali. Voli che raggiungono una quota di circa 100 chilometri di altezza e che, conseguentemente, permettono di ridurre in maniera più che significativa i tempi di percorrenza. La candidatura è stata avanzata dal Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano nel corso di un incontro tenuto con il Presidente e il Direttore Generale dell’ENAC nel marzo dello scorso anno. Dal punto di vista infrastrutturale l’aeroporto presenta le caratteristiche logistiche e tecniche  idonee per accogliere questo tipo di attività. Emiliano ha commentato: “Prenderemo contatto immediatamente con le compagnie aeree che effettuano questi voli. In questa fase la più celebre è la Virgin, che già trasporta passeggeri che possono permettersi questi viaggi in assenza di gravità. Per la Puglia comporterà l’implementazione di un turismo di grande profilo, di persone con una capacità di spesa notevole. I voli suborbitali serviranno anche al trasporto velocissimo di merci, i nostri prodotti pugliesi, anche della filiera agroalimentare. Questo cambia in generale il concetto di chilometro zero di tutte le filiere produttive. E tutta l’operazione creerà tanti posti di lavoro, legati alla ricerca, all’innovazione, ai trasporti. Insomma, un risultato importantissimo, che ha come riferimento l’Europa intera, perché parliamo di una struttura che può coprire il mercato europeo. Per la Puglia un fattore di attrazione e investimento di enorme importanza”.

 

Antonia Colella

TAGS: spazioporto | grottaglie | aeroporto di taranto | voli suborbitali | controradio | controweb | sempresulpezzo

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie