Siglato protocollo d’intesa fra la Città metropolitana e il consorzio ASI

Previsti 15 milioni di euro di interventi strategici nella zona industriale

mercoledì 21 Febbraio 2018

Un piano di investimenti strategici destinati alla zona ASI (Area di Sviluppo Industriale) che contribuirà al rilancio economico dell’intero territorio metropolitano. Queste le premesse del Protocollo d’intesa siglato fra la Città metropolitana di Bari e il Consorzio ASI alla presenza del vice sindaco metropolitano, Michele Abbaticchio, del consigliere di amministrazione dell’ASI, Paolo Bevilacqua, dell’Amministratore della Bosch Tecnologie Diesel S.p.a. Uwe Berthold Mang e del Direttore delle Risorse umane Bosch Bari, Francesco Basile. Il protocollo prevede un piano di investimenti strategici per il rilancio economico delle imprese del territorio che ammonta a 15 milioni di euro e che si inserisce nell’ambito degli interventi previsti nel settore delle infrastrutture strategiche per la mobilità finanziati dal Patto per lo sviluppo della Città metropolitana di Bari, quali Camionale, Poligonale, Collegamento fra Aeroporto e Comuni metropolitani e Biciplan Metropolitano. “Questo atto certifica formalmente la disponibilità delle somme che andranno a finanziare interventi per lo sviluppo delle infrastrutture per la mobilità e per la sicurezza nella zona Asi – ha affermato Abbaticchio -. Interventi che sono il frutto di un percorso di partecipazione e condivisione avviato dal sindaco metropolitano, Antonio Decaro, con le istituzioni e tutti gli attori del territorio che insistono nella zona industriale. Il protocollo, infatti, recepisce gli esiti dei tavoli tecnici fra diverse aziende medio - grandi che, per poter pianificare i propri investimenti e le proprie strategie di sviluppo, chiedono il potenziamento delle infrastrutture e maggiore sicurezza”. Il piano prevede anche l’ampliamento dell’area industriale attraverso la realizzazione di investimenti nelle zone non ancora urbanizzate nel rispetto delle vocazioni territoriali con particolare attenzione al settore produttivo e turistico/ricettivo dell'area geografica ricadente nei Comuni di Giovinazzo e Bitonto con la costituzione di una Zona Economica Speciale (ZES). Nel  corso dell’incontro sono stati anche illustrati gli esiti dei tavoli di lavoro promossi dalla Bosch in collaborazione con istituzioni ed enti competenti, fra diverse aziende medio/grandi operanti nell’area industriale di Bari-Modugno con l’obiettivo di individuare una serie di priorità per rendere l’area stessa maggiormente attrattiva a nuovi investimenti oltre che più vivibile e funzionale per chi già vi opera e i risultati di un’indagine conoscitiva promossa fra aziende e dipendenti, incentrata su diverse tematiche quali sicurezza, mobilità, ambiente, risorse umane, energia e connettività. "Un progetto che è partito senza troppe pretese, ma che oggi premia, per l'impegno profuso, tutti i soggetti coinvolti –ha proseguito il Direttore delle Risorse Umane Bosch Bari, Francesco Basile -.  Ed è proprio a tutti che va il nostro grazie per aver creduto insieme a noi intorno ad un unico e comune obiettivo. La firma di oggi è il segno che si può cambiare e che questo fantastico angolo di mondo possa essere ricordato non solo come un posto da visitare, ma come un'area in cui fermarsi a fare impresa".

Redazione Controradio

TAGS: #cittàmetropolitana #bari #zonaindustriale

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie