CARTELLONE CINEMA. TUTTI I FILM DAL 11 AL 17 GENNAIO

10 MINUTI BREVI MA INTENSI CON TUTTI I FILM USCITI IN QUESTA SETTIMANA

mercoledì 10 Gennaio 2018

Nei 10 minuti dedicati ai film in uscita questa settimana passerò in rassegna i lungometraggi e gli eventi cinematografici che troverete nelle sale da oggi, giovedì 11, fino a mercoledì 17 gennaio.

Questa settimana abbiamo un’animazione, un paio di eventi, un documentario e tre nuovi film, tra cui il vincitore della 75° edizione dei Golden Globes, che si sono conclusi pochi giorni fa con l’italica delusione per Chiamami col tuo nome, di Guadagnino, che non ha concretizzato nessuna delle sue 5 candidature. Gary Oldman invece è stato premiato come miglior attore per la sua interpretazione in L'ora più buia, nei panni di Winston Churchill. Il premio per la miglior commedia è andato a Lady Bird, della regista Greta Gerwig, un film tutto al femminile che ha portato alla giovane protagonista, Saoirse Ronan, il riconoscimento come migliore attrice in una commedia. James Franco è stato premiato come miglior attore in una commedia, per The Disaster Artist, che ha anche co-prodotto, mentre il dramma tedesco Oltre la notte ha vinto il premio come miglior film straniero.

Iniziamo però parlando del film che ha scalzato il favorito La forma dell’acqua di Del Toro e ha vinto il primo premio come miglior film drammatico. Inoltre ha portato a casa il premio perla miglior sceneggiatura e due dei suoi protagonisti, Frances McDormand e Sam Rockwell, si sono aggiudicati i premi rispettivamente come miglior attrice e come miglior attore non protagonista in un film drammatico:

Tre Manifesti A Ebbing, Missouri

Una commedia nera, profonda come una tragedia, cerca e trova l'anima dell'America indagando su come volgere l’intolleranza in rispetto, nonostante la vocazione violenta ed autoritaria della società americana. Terzo film del drammaturgo irlandese Martin McDonagh, racconta la storia di una madre che vuole giustizia per la propria figlia, violentata ed uccisa; comincia ad adottare metodi inusuali, fino ad arrivare pian piano a porsi al di fuori della legge. Il film è stato premiato anche al Festival di Venezia.

Benedetta Follia 

Torna l’italiano medio in questa commedia diretta da Carlo Verdone, pare uno dei suoi migliori lavori, e da lui interpretata con Ilenia Pastorelli, alla sua seconda prova d’attrice dopo Lo chiamavano Jeeg Robot. I pregi principali del 26esimo film di Verdone regista, attore e sceneggiatore sono proprio la sua presenza malinconica e il suo esporre pubblicamente paure e fantasmi che appartengono un po’ a tutti. Nostalgia non solo per quel tempo che “non tornerà, non ritornerà più", come ne La stagione dell'amore di Battiato usata nella colonna sonora, ma nello specifico per quegli anni Ottanta in cui Verdone e molti altri sono stati giovani e convinti di avere il mondo in mano.

The Midnight Man

Un altro horror americano su un gioco pericoloso, che se eseguito correttamente, risveglierà l'uomo di mezzanotte, un essere malvagio che trasforma i peggiori incubi in realtà. Per capire di cosa parla The Midnight Man bisogna sapere cosa sono le creepypasta, che i più giovani ovviamente conoscono benissimo. Sono in pratica la variante internet delle vecchie leggende metropolitane, brevi racconti di paura pubblicati in forma anonima sul web. Dai siti, blog e forum dedicati a questo genere, spesso - come nel caso del personaggio di Slenderman, nato da un photo-contest - sono venuti fuori i nuovi spauracchi dell'immaginario horror giovanile.  E' da una di queste storie, il "gioco di mezzanotte", che nasce il film di  Travis Nicholas Zariwny, con Lin Shaye e Robert Englund.

Leo Da Vinci - Missione Monna Lisa

Un’animazione italo-polacca per la regia dell’italiano Sergio Manfio. Il Leo in questione è il giovane Leonardo da Vinci, ma purtroppo il personaggio storico è solo un pretesto per raccontare un'avventura della quale è protagonista un ragazzo coraggioso e ricco di inventiva. Sergio Manfio ha perso l’occasione di mostrare come Leonardo arrivi a creare le sue invenzioni, quale sia l'intuizione alla base dei suoi progetti, come nasca e si sviluppi un'idea geniale: tutto quello che avrebbe reso davvero interessante e significativa la scelta di trattare, attraverso l'animazione, uno dei protagonisti della Storia italiana ed internazionale. L’uso di gesti ed espressioni rubate alla televisione americana e la “giapponesizzazione” dei personaggi fa il resto, anche se va detto, che è probabile che piaccia molto ai più piccoli.

Passiamo ora alla proiezione speciale che arriva lunedì 15 gennaio

L'Atalante

Prende il nome dalla chiatta su cui vanno a vivere due novelli sposi. La scena madre di questo film manifesto potrebbe risultare familiare ai nottambuli cinofili del week end, poiché Enrico Ghezzi ne ha fatto la sua sigla per lo storico Fuori Orario, con il commento musicale di Patty Smith, con Because the Night. Sto parlando del capolavoro francese del 1934, recentemente restaurato, per la regia di Jean Vigo, con Michel Simon, Dita Parlo e Jean Dasté, che scuote ogni nozione consolidata sul cinema con sogni e visioni, fondendo  sperimentalismo d’avanguardia agli aspetti sociali tipici del cinema francese degli anni ‘30. Film emblema di un’epoca, esprime compiutamente la libertà artistica, censurato, stava per andare distrutto, è diventato oggetto di culto cinefilo solo negli anni ’90. Non si può prescindere dalla vicenda personale del regista Vigo, morto ventinovenne di tubercolosi, prima di vedere finito L’Atalante. Vigo faceva parte di quel gruppo di artisti francesi che si erano innamorati dei princìpi della rivoluzione russa ed erano stati delusi dallo stalinismo che quei princìpi aveva mortificato. Un dolore intellettuale che diventa la chiave della poetica del film, in uno stile minimale-simbolico. C’è libertà, amore comune ed amore coniugale senza nasconderne gli aspetti fisici, lavoro, sogni lontani, passati o irraggiungibili. E infine c'è la scoperta che soli non si conclude niente, è meglio stare insieme.

Sempre lunedì esce un nuovo documentario sull’arte, uno spaccato sul mercato delle riproduzioni dei capolavori d'artista e sui sogni degli artigiani che le realizzano

Alla Ricerca Di Van Gogh

Nell'epoca del successo di Loving Vincent e della trasformazione di Van Gogh in una sorta di popstar maledetta, questo lungometraggio è un brusco ritorno alla realtà del business che si cela dietro le quinte. A Shenzhen, a migliaia di chilometri dai Paesi Bassi, il culto di Van Gogh è più forte che mai. Dafen è una piccola città nella città, in cui fino a 10 mila contadini, convertiti in pittori, lavorano in atelier che assomigliano più a degli sweatshop, in cui vengono riprodotte a olio su tela fino a 700 copie al mese dei capolavori del pittore olandese. A commissionare le riproduzioni sono i proprietari di negozi di souvenir turistici di Amsterdam, spesso spacciandosi per galleristi. Attraverso la macchina da presa di Yu Haibo e Kiki Tianqi Yu viviamo la parabola di Zhao Xiaoyong, dall'industrializzazione del suo lavoro di copista al suo viaggio in Europa, con la conseguente presa di coscienza.

Mentre chiudiamo con l’uscita di martedì 16 per gli amanti dell’opera

Royal Opera House: Rigoletto

L'opera di Verdi tratta dal dramma di Victor Hugo Le Roi s'amuse. Continua su oltre 1500 schermi cinematografici di tutto il mondo la stagione 2017-2018 del cartellone della Royal Opera House di Londra al cinema, che include i capolavori prodotti da The Royal Ballet. Il quinto appuntamento è con Rigoletto, interpretato da un cast superlativo, che include Dimitri Platanias, Lucy Crowe e Michael Fabiano e con la classica e intramontabile produzione del regista David McVicar. La direzione musicale è a cura di Alexander Joel.

Io vi saluto e vi do appuntamento tra una settimana, a giovedì 18 gennaio, sempre su queste frequenze alle 18:10. Vi ricordo che riascoltare questa puntata è facile e può essere utile prima di scegliere cosa fare una qualsiasi delle prossime sere: dall’articolo della settimana su controweb.it , on demand su Spreaker oppure dalla nuova fan page Cartellone Cinema di Facebook. Ed allora a presto!

 

Paola Pagone

TAGS: Cinema | Cartellone Cinema | film | uscite cinematografiche | novità | Golden Globes | Tre Manifesti A Ebbing | Missouri | Benedetta Follia | The Midnight Man | Leo Da Vinci - Missione Monna Lisa | LAtalante | Alla Ricerca Di Van Gogh | Royal Opera House: Rigoletto,

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie