La Regione approva il concorso di idee "La Murgia abbraccia Matera"

Il bando a partecipazione anonima raccoglierà proposte progettuali su beni culturali minori

lunedì 09 Ottobre 2017

Sottoscritto il disciplinare tra la Regione Puglia ed 8 Comuni, coinvolti nel programma 'La Murgia abbraccia Matera', finalizzato a regolare i rapporti e gli impegni in vista dell'appuntamento di Matera Capitale Europea della Cultura 2019. Altamura, Gravina, Santeramo, Laterza, Ginosa, San Giovanni Rotondo, Spinazzola e Otranto sono chiamati a proporre progetti di recupero e valorizzazione del patrimonio di archeologia industriale e architettura rurale dismesso, attraverso inedite forme di riuso e fruizione dei beni culturali minori. Si tratta di un bando sotto soglia comunitaria a partecipazione in forma anonima. l'Assessore regionale alla Gestione e Valorizzazione dei Beni culturali, Loredana Capone, ha illustrato gli obiettivi della misura, sottolineando il ruolo del consigliere regionale Enzo Colonna, che ha dato seguito ad una disposizione inserita nella legge di bilancio regionale 2017 e pluriennale 2017-2019 (legge n. 40/2016), con la quale sono stati destinati 150 mila euro per l'anno in corso (e analoga previsione per i successivi due anni) per finanziare attività di salvaguardia, riuso e fruizione, divulgazione e didattica, anche attraverso l'organizzazione di laboratori, realizzazione di itinerari culturali e di percorsi tematici, promozione turistico-culturale, studio, censimento e catalogazione scientifica di beni appartenenti al vasto patrimonio di archeologia industriale e architettura rurale, in coerenza con gli obiettivi fissati dalla legge regionale numero 1 del 2015 (in materia di "Valorizzazione del patrimonio di archeologia industriale"). "Assieme a me, ha preso parte all'incontro con i Comuni il collega consigliere Napoleone Cera, grazie al quale gli interventi previsti nella legge di bilancio sono stati estesi anche ai comuni ove sono presenti le cave i bauxite" ha ricordato Colonna. Il concorso di idee, volto al recupero e valorizzazione di manufatti storici legati all'agricoltura e alla pastorizia del territorio murgiano, ad esempio jazzi, poste, piscine, cisterne e abbeveratoi, è una delle due  linee di intervento previste. La seconda iniziativa riguarda nello specifico i Comuni che ospitano le cave di bauxite, i quali dovranno presentare entro il 20 ottobre una relazione preliminare con il crono-programma delle attività di partecipazione da svolgersi e, entro il 28 febbraio 2018, una relazione finale che permetta di individuare il raggiungimento degli obiettivi proposti.

 

 

Redazione Controradio

TAGS: Altamura | Gravina | Santeramo | Laterza | Ginosa | San Giovanni Rotondo | Spinazzola | Otranto | Assessore regionale alla Gestione e Valorizzazione dei Beni culturali | Loredana Capone | Enzo Colonna | La Murgia abbraccia Matera |

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie