C’è un nuovo programma su Controradio. Si chiama Cartellone Cinema!

Oggi alle 18:00 10 minuti brevi ma intensi con tutti i film usciti in questa settimana e con qualche curiosità per chi si chiede cosa val la pena andare a vedere nelle sale di Bari e provincia.

venerdì 06 Ottobre 2017

Oggi c’è un’anteprima speciale sulle frequenze di Controradio. Alle 18:00 parte Cartellone Cinema, il nuovo, breve ma intenso programma con tutti i film in uscita nelle sale italiane, qualche curiosità e le proiezioni nelle sale di Bari e provincia. Nei 10 minuti di questa puntata zero potrete farvi un’idea su cosa val la pena andare a vedere, anche nel weekend, cosa evitare assolutamente e cosa andare a recuperare eventualmente dal vostro fornitore di fiducia. Le colonne sonore dei film accompagnano la lista dei titoli in cartellone per restituire immediatamente le atmosfere in cui potreste immergervi o da cui fuggire.


Partiamo subito con i film usciti lunedì 2 ottobre:


Si chiama Ferrante Fever e si tratta di un documentario firmato da Giacomo Durzi che segue il viaggio dell'opera di una grande autrice nostrana, tra le più amate e tradotte al mondo. I luoghi e i protagonisti dei romanzi di Elena Ferrante sono raccontati attraverso lo sguardo appassionato di testimoni e lettori d'eccezione.  Le copertine dei suoi romanzi restituiscono donne incomplete, mutilate, senza volto. Sono libri, i suoi, nei quali l'autrice sembra voler raccontare molto della propria vita privata.
In sala è a Bari ed a Polignano a Mare.


Parliamo ora di un altro documentario. Si chiama Human Flow, una produzione tedesca ed americana di quest’anno, firmato da Weiwei Ai. L'artista cinese racconta l'universo delle migrazioni attraverso le immagini girate in 22 paesi del mondo. Presentato in concorso al Festival di Venezia 2017.
Potete vederlo a Bari ed a Gioia del Colle.


Koudelka fotografa la Terra Santa è un docu-film del 2015, diretto dal giovane regista israeliano Gilad Baram,  prodotto a metà tra la Germania e la Repubblica Ceca. Il regista ha accompagnato il celebre fotografo dell’agenzia Magnum, Josef Koudelka, nel suo lungo viaggio in Terra Santa. L'esperienza dell'assistente-traduttore al seguito del fotografo, dalle 7 del mattino all'imbrunire, sembra aver segnato la vita di Baram non solo professionalmente. Alle fotografie in bianco e nero scattate da Koudelka, si affiancano filmati sul processo creativo e solitario di uno dei più grandi maestri viventi della fotografia, a Gerusalemme est, Hebron, Ramallah, Betlemme e in vari insediamenti israeliani dislocati lungo il percorso della barriera che separa Israele e Palestina.
In sala solo a Roma e a Milano, quindi per chi fosse da quelle parti consiglio di non perderlo.


Diamo ora uno sguardo ai film in uscita a partire da giovedì 5 ottobre:

120 battiti al minuto è un film drammatico francese del 2017, diretto da Robin Campillo, con Nahuel Pérez Biscayart e Arnaud Valois. Il film vincitore del Gran Premio al Festival di Cannes 2017, ambientato nei primi anni ’90, racconta la militanza del giovane Nathan (Arnaud Valois) tra le fila degli attivisti di Act Up-Paris, associazione pronta a tutto pur di rompere il silenzio generale sull'epidemia di AIDS.


Torniamo in Italia a Napoli. Ammore e malavita è una commedia musicale, dai toni noir, diretta da Marco e Antonio Manetti, con Carlo Buccirosso, Claudia Gerini, Rais e Giampaolo Morelli. Dopo Song'e Napule per la seconda volta i Mnaetti Bros tornano nella capitale partenopea, trasformandola in un teatro en plein air. Hanno realizzato un musical napoletano divertente che mette d’accordo pubblico e critica.


Ed ecco l’attesissima uscita della settimana. Il teaser e poi il trailer di Blade Runner 2049 hanno scatenato un effetto dirompente e forse inatteso. La forza suggestiva del sequel che nessuno aveva previsto e forse nemmeno auspicato si è rivelata improvvisamente, forse perché il nuovo film resta un noir esistenziale, come l’originale. Trent'anni dopo gli eventi del primo, l’acclamatissimo regista Denis Villeneuve, firma quest’opera facendosi accompagnare da un pluripremiato cast: c’è il ritorno di Harrison Ford, e ci sono tra gli altri, Ryan Gosling, Jared Leto, Ana de Armas e Robin Wright. Preservare le preziose atmosfere metropolitane del Blade Runner di Scott è stata una priorità per Blade Runner 2049.
Di qui la scelta di affidarsi nuovamente ad Hampton Fancher, sceneggiatore del primo film poi sostituito da David Webb Peoples per volere di Ridley Scott. Ad affiancarlo ora c’è Michael Green, un cv da veterano delle serie tv. Di certo ora fa meno paura lo spettro di Philip K. Dick. La produzione resta tutta americana ed l’atteso thriller fantascientifico dura 152 minuti da non perdere. Una curiosità: Villeneuve ha dichiarato: “So che i fan entreranno in sala impugnando una mazza da baseball, ma lo rispetto, perché si tratta di arte. E l'arte è un rischio. Questo sarà sicuramente il più grande della mia vita". Le riprese si sono svolte a Budapest tra l'estate e l'autunno del 2016. Un episodio viene ricordato dal cast e dalla troupe: durante una scena d'azione Ford ha involontariamente colpito Gosling in faccia con un pugno mal calibrato. Per farsi perdonare, lo storico agente si è offerto di dividere una bottiglia di whiskey con il blade runner alle prime armi.


Cambiamo genere. Come ti ammazzo il bodyguard è un film d’azione, ma anche una commedia americana, diretto da Patrick Hughes, con Ryan Reynolds e Samuel L. Jackson. Un buddy movie che prende tanto da 48 ore quanto da Arma letale, ma che intrattiene senza prendersi mai troppo sul serio.


Restiamo sui film d’azione. Scritto e prodotto da Luc Besson, Renegades - Commando d'assalto è un film sulle imprese di un team di Navy Seals, le Forze speciali della Marina degli Stati Uniti. Vengono impiegati soprattutto in conflitti e guerre non convenzionali. I protagonisti della pellicola sono Sullivan Stapleton e J.K. Simmons ambientato in Bosnia durante la guerra. La produzione franco-tedesca confeziona un action-thriller firmato da Steven Quale.

 

Una curiosità su Besson che Adriano Ercolani ci racconta sulle pagine di Coming Soon e che pare essere tra le news più condivise della settimana: oltre ad aver firmato Valerian e la città dei mille pianeti pare che Besson stia lavorando sul sequel di Lucy e pare che la sceneggiatura sia pronta. Ma la faccenda è più complessa ed ha a che fare con EuropaCorp. La compagnia francese di motion capture di base a Saint Denis ha annunciato il ridimensionamento economico dei suoi prossimi progetti, dopo che l'ultimo anno fiscale si è chiuso con una perdita ingente, ben 135 milioni di dollari. La compagnia continuerà a focalizzarsi su thriller d'azione e film di fantascienza, due generi che le hanno portato in passato successi come Taken, Leon o Il quinto elemento. Il costo delle prossime produzioni però sarà sempre contenuto tra i 25 e i 35 milioni di dollari e Luc Besson avrà un ruolo molto più rilevate nella supervisione dei progetti. Uno di questi sarà appunto il sequel di Lucy, di cui lo stesso regista ha annunciato di aver finito di scrivere.

Costato 40 milioni di dollari, il film con Scarlett Johansson nel 2014 ne ha incassati ben 463 in tutto il mondo. Prima di Lucy 2 però Besson dirigerà un altro thriller d'azione con una protagonista femminile, progetto che sarà realizzato in lingua inglese e avrà un budget di 30 milioni di dollari. Non si conoscono ancora né la trama né il cast di questo film. Si sa però che la storia è scaturita da un'idea originale dello stesso cineasta e le riprese cominceranno il mese prossimo.  Il film che ha imposto Luc Besson all'attenzione internazionale nel 1990 fu proprio un thriller ad altissima tensione con un'eroina combattiva ed indimenticata come Anne Parillaud: stiamo ovviamente parlando del cult Nikita.
 

Per questa settimana è tutto. Cartellone Cinema vi dà appuntamento alla prossima con tutte le novità che ci aspettano.

Paola Pagone

TAGS: Cartellone Cinema | Cinema | Italia | Bari | provincia di Bari,

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie