Fse, bilancio semestrale in negativo

Debiti per 88,7 milioni di euro, ma avviato un piano corposo di investimenti sulle infrastrutture

venerdì 04 Agosto 2017

Brutte notizie per FSE. Il Consiglio di Amministrazione, riunitosi sotto la presidenza di Luigi Lenci, ha approvato la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2017. La Posizione finanziaria netta della società registra purtroppo un indebitamento di 88,7 milioni di euro, con un patrimonio in negativo di 139,7 milioni di euro. Dati dovuti all’incasso negativo della prima trimestralità 2017 del corrispettivo dalla Regione Puglia per il Contratto di Servizio. Ma, al di là del bilancio sfavorevole, e dopo l’acquisizione da parte di Ferrovie dello Stato, ci si impegna a fare di più. È stato messo a punto infatti un piano di investimenti, con oltre 520 milioni di euro di finanziamenti: 420 milioni per il potenziamento delle infrastrutture, e circa 100 milioni per il rinnovo di treni e bus. Si stima che i finanziamenti inizieranno a dare significati effetti da giugno 2018. Il programma di potenziamento della rete FSE prevede, nell’immediato, l’adeguamento dell’armamento ferroviario (binari, scambi e massicciata) agli standard di interoperabilità. Inoltre, è previsto, a partire dall’anello di Bari, l’adeguamento tecnologico delle linee con l’installazione del Sistema di controllo della marcia del treno (SCMT), secondo gli standard prescritti dall’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF).  Adeguamento che sarà ultimato entro il 2018.

 

Micaela Cavestro

TAGS: FSE | Luigi Lenci | bilancio semestrale | Ferrovie dello Stato | infrastrutture | investimenti | finanziamenti | programma di potenziamento

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie