La nuova vita del bike sharing a Bari

Il nuovo bando otterrà a giorni l’ assegnazione provvisoria che porterà migliorie alle vecchie postazioni

mercoledì 05 Luglio 2017

Il progetto “Barinbici” nasce nel 2007 con l’intenzione di rendere la città metropolitana di Bari a prova di “due ruote”. L’idea innovativa del bike sharing, voluta da Amtab, consisteva in 32 postazioni sparse per la città, accessibili grazie a una card che permetteva di noleggiare una bici per visitare Bari e poi riportarla in una di quelle postazioni. Purtroppo però questo servizio ha visto poca luce, in quanto fin da subito biciclette e postazioni hanno subito le angherie di vandali. Le cose però stanno per cambiare. Il bando indetto un anno fa sta per ottenere l’aggiudicazione provvisoria e il nuovo testo prevede che le vecchie colonnine siano aggiornate o spostate in altri punti della città, per quelle che non subiranno l’upgrade è prevista la rimozione. Le nuove postazioni saranno dotate di touchscreen e una card che permetterà di accede ai mezzi a due ruote che sono stati dotati di gps proprio per scoraggiare i ladri. Per rinnovare il servizio il Comune ha speso circa 2,3 milioni di euro, che comprendono l'acquisto di 200 bici, di cui 50 con pedalata assistita. "Nel tempo il servizio migliorerà sempre di più - spiega l'assessore ai Lavori Pubblici Giuseppe Galasso -. Già dal terzo anno, su una concessione ventennale, il numero salirà a 300, ma alla fine diventeranno 700 per tutta la città".

 

Valeria Carrabs

TAGS: bari | bike sharing | amtab | biciclette | città | innovazione | due ruote | touchscreen

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie