Uniba, rinuncia al gettone di presenza per borse di Studio

I rappresentanti di Up fanno richiesta all’amministrazione dell’Università di Bari, per tasse e attività dedicate agli studenti

mercoledì 31 Maggio 2017

Nuovo appello lanciato dall’associazione studentesca Up - Università Protagonista, per agevolare ulteriormente gli studenti universitari. Proposto ai componenti del consiglio di amministrazione, nella riunione tenutasi lunedì mattina, di rinunciare al gettone di presenza per destinarlo a borse di studio e servizi per gli studenti. "Destiniamo i nostri gettoni di presenza ai servizi: sia per borse di studio sia per l'estensione delle aperture delle aule studio il sabato e la domenica in tutti i plessi” - ha indicato la rappresentante degli studenti, Martina Tarantini. Durante la riunione si è infatti discusso sulla ripartizione delle 100 borse di dottorato per il XXXIII ciclo, oltre alla problematica relativa ai test linguistici per la partecipazione al progetto Erasmus. Inizialmente il Senato e il rettore dell’uniba Antonio Uricchio avevano approvato la richiesta proposta dalla rappresentante Up Anna Santamaria; ma dopo l’ultima riunione lampo è stata bocciata dal cda. I docenti hanno bollato l'iniziativa come una "delegittimazione del lavoro del consiglio" e come una "deriva populista". Così i gettoni di presenza della riunione, circa 130 euro netti a consigliere, sono stati regolarmente accreditati ai componenti del cda. A bocciare in ultimo la richiesta è stato anche il Nucleo di valutazione dell'Ateneo di Bari.

Micaela Cavestro

TAGS: Ateneo di Bari | Uniba | borse di Studio | Università Protagonista | dottorato | XXXIII ciclo | progetto Erasmus | Senato | Antonio Uricchio

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie