Puglia, ok alla produzione di canapa

Il consiglio regionale dice sì alla legge sulla produzione industriale della specialità. Rinviata la decisione sui vaccini obbligatori

mercoledì 24 Maggio 2017

Legalizzazione della marijuana: oggi più che mai sembra davvero possibile. Innanzitutto perchè, dopo la Svizzera,anche in Italia oggi si può trovare in commercio la cannabis light, prodotta da EasyJoint, marchio del tutto italiano, che si occupa della coltivazione di un particolare tipo d’erba a scarso contenuto di thc (0,6%, limite stabilito dalla legge) e un alto valore di cannabidiolo che produce effetti rilassanti, antipsicotici, antiepilettici, antiossidanti e antinfiammatori. Ma un passo molto importante è stato fatto proprio in Puglia, regione che si apre ai vari preziosi utilizzi di questa coltivazione. E’stato approvato all’unanimità, durante il consiglio regionale, la legge sulla produzione di canapa per fini industriali, quali: attività di ricerca per l’individuazione delle varietà di canapa più idonee alla coltivazione, l’impiego della stessa nei settori della bioedilizia, alimentare e farmacologico, coltivazione a fine depurativi, soprattutto per quel che riguarda la bonifica di terreni inquinati e l’elaborazione di progetti per la formazione di operatori specializzati. Questa misura che incentiva la coltura della canapa, prevede una dotazione finanziaria triennale che ammonta in totale a 1,5 milioni di euro (dilazionati tra 2017, 2018 e 2019). Escluse da questo provvedimento la cannabis sativa dalla quale si estraggono sostanze stupefacenti e in generale delle piante che abbiamo un contenuto di tetraidrocannabinolo superiore al 0,6%. In secondo piano passa, invece, la discussione sull’obbligarietà dei vaccini, che viene ulteriormente rinviata al prossimo consiglio regionale.

Valeria Carrabs

TAGS: Puglia | Canapa | legalizzazione | produzione industriale | EasyJoint | vaccini | Controradio | controweb | sempre sul pezzo

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie