Estendere l’obbligo vaccini fortemente consigliati come quello influenzale al personale sanitario oltre che ai minori

Questo il cuore dei 6 emendamenti alla proposta di legge con cui la Puglia si porta avanti nel solco tracciato dal Ministro Lorenzin

lunedì 08 Maggio 2017

Vaccini

Sono 6 gli emendamenti alla proposta di legge che portano la Puglia in avanti nel solco già tracciato dal Ministro alla Salute Beatrice Lorenzin, in merito al controverso tema vaccini. La proposta ha un cardine: l’estensione dell’obbligo a vaccinazioni fortemente raccomandate, oltre che obbligatorie, come per il caso del vaccino influenzale; l’estensione delle stesse prescrizioni di legge anche a tutto il personale delle strutture sanitarie, oltre che ai minori. Questo, in sintesi, il cuore dei sei  emendamenti alla proposta di legge “Disposizione per l’esecuzione dell’obbligo di vaccinazione per i minori”, presentati lo scorso venerdì mattina da Francesca Franzoso e Nino Marmo, consiglieri regionali di Forza italia. Un tema centrale quello delle vaccinazioni del dibattito sulla salute pubblica, che vede la schiera degli obiettori e dei genitori che rifiutano l’immunizzazione forzata anche per i vaccini base sempre più nutrita. “La necessità di ampliare l’obbligo di legge – spiegano  Franzoso e Marmo - deriva dal fatto che la pericolosità delle malattie virali coperte dai vaccini raccomandati, come il morbillo o la rosolia, non è assolutamente inferiore a quella dei virus neutralizzati dalle vaccinazioni obbligatorie. Di pari importanza l’obbligo di estendere la somministrazione anche agli operatori sanitari. Per tale categoria va reso obbligatorio anche il vaccino antinfluenzale. In tal caso - aggiungono i due consiglieri -  si tratta di  una  fondamentale misura di prevenzione rivolta  al personale e, al contempo, a tutela  delle salute dei pazienti  ricoverati e dei loro familiari”. Le sanzioni previste dalla pdl saranno estese a cascata, in base al contenuto delle proposte emendative, oltre che ai dirigenti scolastici anche ai “dirigenti delle strutture sanitarie in cui si verifica il mancato adempimento degli obblighi vaccinali”.

Paola Pagone

TAGS: vaccini | vaccinazioni | sanità pubblica

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie