A Pasqua sciopero degli impiegati della grande distribuzione pugliese

“Le feste pasquali andrebbero retribuite come giornata doppia”. Barbara Neglia annuncia l’astensione nei giorni 16 e 17 aprile

venerdì 14 Aprile 2017

Pasqua e pasquetta sono fatte per stare in famiglia e per godersi un po’ di relax all’area aperta. Questo non è però il caso degli impiegati della grande distribuzione pugliese, che non solo sono costretti a lavorare, ma per giunta non hanno nessun aumento di stipendio: i lavoratori  vengono retribuiti solo con gli straordinari e una giornata di riposo aggiuntiva da recuperare in seguito. Impiegati di centri commerciali, negozi e ipermercati di tutta la Puglia hanno perciò deciso che, nei giorni del 16 e 17 aprile, effettueranno uno sciopero del lavoro per dire no ad uno “sfruttamento” che va avanti ormai da troppo tempo. “Tutto ciò è sbagliato perché così viene negato non solo il diritto di riposo, ma anche la possibilità di passare del tempo con i propri familiari. Una battaglia che portiamo avanti ormai da anni" - ha spiegato Barbara Neglia, segretaria regionale della Filcams Cgil Puglia. Secondo quanto rilevato dai sindacati, inoltre, i lavoratori delle piccole e medie imprese sono costretti ad effettuare 12 o 13 giornate di impiego consecutive nelle attività commerciali della grande distribuzione, vista la carenza di personale. Ma la protesta degli impiegati non si fermerà solo all’astensione dal lavoro nei giorni di festa, bensì nelle prossime giornate feriali del 25 aprile e del 1 Maggio, si effettuerà anche una manifestazione nella città di Bari: "Stiamo progettando di riunirci sotto la sede della Regione Puglia, anche se i dettagli di questa nuova iniziativa sono ancora da definire" - spiegano dalla Filcams Cgil Puglia.

Micaela Cavestro

TAGS: Puglia | Pasqua | pasquetta | lavoratori | sciopero | Barbara Neglia | Filcams Cgil Puglia | controradio | controweb | sempre sul pezzo

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie