“Periferie aperte”, presentati i primi 24 progetti ammessi al

Previsti 100 milioni di euro e sei tipologie di azione

martedì 07 Marzo 2017

La città metropolitana di Bari si classifica prima nell’ambito del bando

“Periferie aperte”, motivo di orgoglio per tutta la città e per il primo cittadino che ieri ha firmato, insieme al Presidente del Consiglio dei Ministri Gentiloni,  la sigla delle convenzioni per i finanziamenti dei primi progetti di riqualificazione urbana delle periferie in 24 città italiane. Il progetto presentato riguarda i 41 Comuni dell’area metropolitana che si aggiudicano un finanziamento da parte del governo di 40 milioni di euro, ai quali si aggiungono oltre 60 milioni tra pubblici e privati. Gli interventi si concentrano sulla riqualificazione degli spazi pubblici all’aperto e la creazione di nuovi spazi per il tempo libero in cui possano incontrarsi diverse generazioni. Previsti 9 percorsi di mobilità ciclo-pedonale e implementazione di nuovi dispositivi di sorveglianza e gestione della sicurezza. Particolare attenzione sarà data all’azione di sistema sull’arte pubblica che prevede la creazione di un museo diffuso e periferico del contemporaneo, attraverso la realizzazione di 41 opere d’arte site specific disegnate da giovani collettivi di artisti e urban designer (installazioni, sculture, writing, street art, lighting). Punto nevralgico del programma sarà il parco che sorgerà sull’area dell’ex Gasometro, nel quartiere Libertà, finanziato per 2 milioni di euro del bando delle periferie. Il progetto per la riqualificazione del parco si propone come un intervento sostenibile e non invasivo, che al contempo rivaluti il luogo e inviti alla fruizione dell’area intesa come un'estesa zona verde attrezzata.

Valeria Carrabs

TAGS: Bari | Periferie Aperte | Antonio Decaro | città metropolitana | controradio bari | controradio | sempre sul pezzo | controweb

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie