La formazione professionale in Puglia ha bisogno di spinta e trasparenza

Alfonso Pisicchio chiede alla Regione tempi celeri per nuovi bandi di “Welfare to Work”

lunedì 20 Febbraio 2017

Welfare to Work Pisicchio

Molto il lavoro ancora da fare sulla formazione professionale in Puglia, per garantire una necessaria spinta e maggiore trasparenza. Questo il pensiero del presidente della VI Commissione Lavoro e Formazione Professionale, consigliere regionale de La Puglia con Emiliano, Alfonso Pisicchio, da lui espresso a margine dell'audizione sul programma regionale della formazione professionale "Welfare to work". Da un lato è indispensabile alzare la qualità dell’offerta nel suo complesso: molte le figure e le competenze da costruire ancora, poiché non rintracciabili nella nostra regione; dall’altro lato è urgente lavorare per eliminare opacità e criticità del sistema, nei che danneggiano tanto gli enti accreditati quanto i tantissimi giovani e non giovani da formare, che a questi percorsi guardano con fiducia e speranza. Pisicchio chiede quindi “tempi celeri per i nuovi bandi di Welfare to work e controlli mirati durante tutte le fasi della formazione”. Pisicchio fa infatti notare che sono “numerose le criticità di questo sistema, che mette in relazione i centri per l'impiego con gli enti accreditati alla formazione, molti dei quali, inspiegabilmente, non riescono mai ad ottenere corsisti, a vantaggio di altre strutture sempre più gettonate. Il lavoro della Commissione da me presieduta - sottolinea - ha stabilito la volontà, anche grazie al sostegno e alla piena disponibilità dell'assessore Sebastiano Leo, di approfondire il settore e di prevenire e colmare eventuali lacune".

Paola Pagone

TAGS: formazione professionale in Puglia | Commissione Lavoro e Formazione Professionale | regione Puglia | Welfare to work | trasparenza | Alfonso Pisicchio |

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie