“Comuni Ricicloni Puglia”. Domani la premiazione dei virtuosi del 2016

Legambiente fotografa le migliori esperienze in tema di gestione dei rifiuti e differenziata

giovedì 09 Febbraio 2017

Legambiente presenta la IX edizione di “Comuni Ricicloni Puglia”, realizzata con il patrocinio dell’Assessorato alla Qualità dell’Ambiente della Regione Puglia e di ANCI Puglia. Il Rapporto fotografa le migliori esperienze dei Comuni, per il 2016, in tema di gestione dei rifiuti ed in particolare presenta i dati regionali sulla raccolta differenziata. Durante il convegno, organizzato domani alle 10:00 presso l’Hotel Palace, in via F. Lombardi 13, a Bari, è segnalata una cerimonia di premiazione per le amministrazioni più virtuose del 2015, anno in cui erano stati 6 i Comuni ricicloni pugliesi: Rutigliano, Troia, Cellamare, San Vito dei Normanni, Crispiano e Canosa di Puglia. Sono stati 22 i comuni “Ricicloni” pugliesi premiati, con una percentuale di raccolta differenziata oltre il 65 per cento nel 2015, di cui tre 'rifiuti free', che hanno cioè raggiunto una quota di secco residuo pro capite sotto i 75 chilogrammi all'anno per abitante. 41 città pugliesi restano 'indifferenti', però, con una differenziata al di sotto del 10 per cento. Per quest’anno i dati rilevano una triste inversione di tendenza tanto più scottante quanto è invece cresciuto nella penisola il numero dei comuni a Rifiuti free, quelli che oltre ad essere ricicloni, hanno deciso di puntare sulla riduzione del residuo non riciclabile da avviare a smaltimento. Sono ben 525, contro i 356 dello scorso anno, le realtà che producono meno di 75 chilogrammi annui per abitante di rifiuto secco indifferenziato, (pari al 7% del totale nazionale), per una popolazione che sfiora i 3 milioni di cittadini. Risultati ottenuti con ricette diverse ma con un denominatore comune: la responsabilizzazione dei cittadini attraverso una raccolta domiciliare, una comunicazione efficace e con politiche anche tariffarie che premiano il cittadino virtuoso. Non è un caso che dei 525 comuni Rifiuti free 255 hanno un sistema di tariffazione puntuale e 136 uno normalizzato. Nel rapporto pubblicato online sul sito ricicloni.it manca all’appello proprio la Puglia, accompagnata da Valle d’Aosta, Umbria e Sicilia, regioni in cui non è stato registrato alcun comune con alta percentuale di differenziata e bassa produzione di rifiuto secco residuo.

 

Interverranno:

Francesco Tarantini, Presidente Legambiente Puglia

Domenico Santorsola, Assessore alla Qualità dell’Ambiente Regione Puglia

Gianfranco Grandaliano, Commissario ad Acta Agenzia territoriale della Regione Puglia per il Servizio di gestione dei rifiuti

Luigi Perrone, Presidente ANCI Puglia

Nicola Giorgino, Presidente Provincia BAT

Pasquale Cascella, Sindaco di Barletta

Fabio Costarella, Responsabile Progetti Territoriali Speciali CONAI

Concluderà:

Giorgio Zampetti, Responsabile scientifico di Legambiente

Paola Pagone

TAGS: Ricicloni | comuni virtuosi | Legambiente | Rapporto Legambiente | raccolta differenziata | differenziata | rifiuti | rifiuto secco residuo |

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie