Aqp, dopo Di Donna, De Santics nuovo dirigente generale. Con lui, quattro manager

Lo stipendio del Presidente quadruplicato: da 60 a 240 mila euro.

mercoledì 21 Dicembre 2016

Giovedì 22 dicembre ci sarà l’assemblea dei soci di Acquedotto Pugliese e l’assunzione, a tempo determinato, di Nicola De Santics con l’incarico più prestigioso che completa la riorganizzazione di una delle aziende pubbliche più lustri del Mezzogiorno. Nel dettaglio, l’attuale presidente De Santics ricoprirà le vesti di direttore generale, ruolo ricoperto ad oggi da Nicola Di Donna con scadenza 31 dicembre, e di direttore centrale strategie. Tra oggi e domani verranno inoltre deliberate quattro nuove assunzioni: dei manager di spessore voluti da De Sanctis, il quale ha spiegato che «in questo modo ci adeguiamo a tutte le altre grandi aziende». In Aqp, per via dei limiti posti dalla legge Madia, la soglia massima attuale alla remunerazione degli amministratori è pari a 120mila euro, ripartiti tra De Sanctis (60 mila) e gli altri due consiglieri (30 mila ciascuno). Questo fino ad ora: con l’incontro di giovedì e la definitiva assunzione, il nuovo direttor e generale vedrà quadruplicato le sue entrate che, nel dettaglio, sono quantificate in 240 mila euro lordi l’anno. In giunta regionale, si attendeva la delibera in giornata di ieri,  ma gli impegni (in primis il tavolo per la Om di Bari) del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, hanno imposto il rinvio della riunione a domani: per questo l’assemblea dei soci di Aqp è slittata a giovedì. Il posticipo dell’incontro non ha evitato che i consiglieri regionali grillini innescassero la polemica, ipotizzando irregolarità sulle nomine dei quattro manager e sull'assunzione dello stesso De Sanctis. In realtà risulterebbe tutto a norma e la diatriba sollevata dai rappresentati del M5S risulterebbe inappropriata. Le grandi figure professionali vanno pagate per il reale valore che è attribuito loro, e a De Santics, in quanto numero uno della più importante azienda pubblica del Mezzogiorno, è sicuramente giusto l’ingente valore che percepirà, considerate mansioni, responsabili e funzioni che dovrà ricoprire.

Piero Ciabini

TAGS: acquedotto pugliese | Nicola De Santics | Nicola Di Donna

Potrebbe interessarti...

Ultime Notizie